Il grazie del Lions ai sostenitori del progetto Cane guida

 

Il mondo agricolo e l'arte fanno squadra con due club di servizio


Nella sala “Borasio” di Confagricoltura, presso la Casa dell’Agricoltore di Piazza Zumaglini, si è svolta martedì 24 maggio una conferenza stampa nella quale il Lions Club di Vercelli ha espresso pubblicamente il suo caloroso ringraziamento a enti e associazioni che negli ultimi mesi hanno sostenuto tangibilmente la sua idea di donare un cane guida a un non vedente del territorio. Il progetto, cui collabora anche il Lions Club Santhià, è iniziato lo scorso anno e dovrebbe concludersi, considerando i costi dell’addestramento dell’animale effettuato dal Centro Addestramento del Servizio Cani Guida Lions di Limbiate,  nell’anno sociale 2016-2017. Per una volta le parti si sono invertite ed il Lions Club, anziché dare, ha ricevuto un contributo economico per un’iniziativa di utilità sociale.

Il presidente Piero Volpiano e l’ex presidente Serenella Ferrara hanno ringraziato per la collaborazione e il sostegno al progetto Giovanni Coppo, giovane e dinamico presidente dell’Associazione Nazionale Giovani Agricoltori di Vercelli-Biella, Giovanni Giraudi, presidente del Sindacato Pensionati di Confagricoltura di Vercelli-Biella, Francesco Ferraris e Cinzia Lacchia, rispettivamente presidente e conservatrice del Museo Borgogna, e l’Arcidiocesi di Vercelli.

La collaborazione tra il Lions ed il Museo Borgogna data da tempo ed ha consentito la realizzazione di eventi (l’ultimo “Un falso al museo” dell’aprile scorso) che hanno portato benefici sia all’istituzione culturale (che ha aumentato la sua visibilità) sia al club di servizio (che ha trovato una prestigiosa sede per alcune riunioni conviviali). Cinzia Lacchia  e le sue brave collaboratrici hanno dimostrato che l’arte può essere anche divertente e, aprendo  il vecchio museo alla comunità con visite a tema e laboratori didattici per studenti, lo hanno trasformato in un polo culturale capace di fare da volano per il rilancio del territorio. La sinergia che si è creata col Lions continuerà anche in futuro; al momento è ancora possibile l’acquisto presso il Borgogna  dei cataloghi della mostra “Soft Machine - Annunciazioni” di Roberto Gianinetti, che ha messo in vendita i suoi bassorilievi di carta proprio per incrementare il fondo per il cane guida.

Il mondo agricolo si è avvicinato al Lions in occasione della Fiera in Campo di quest’anno (organizzata alla perfezione dall’ANGA), mettendo a disposizione del club  uno stand e ospitando al Centro VercelliFiere di Caresanablot l’esibizione, molto apprezzata dai visitatori, dei cani guida. L’iniziativa dei giovani agricoltori, quasi in una ideale catena intergenerazionale, è poi piaciuta anche ai pensionati di Confagricoltura, che l’hanno appoggiata.

Le buone idee insomma possono essere contagiose e soggetti diversi le possono più facilmente realizzare lavorando insieme e “facendo sistema”.